social social social social social

27/06/2017

Lombardia prima in Italia nella vendita a domicilio: 250 milioni di euro il fatturato 2016

Con una presenza di quasi 25mila venditori, la Lombardia vale il 15,2% del fatturato nazionale delle aziende associate Univendita. Seguono in classifica Campania e Veneto. Al Sud e Isole la presenza piĆ¹ elevata di venditori a domicilio

Nel 2016 è ancora una volta la Lombardia la regione leader della vendita a domicilio con un fatturato di 249 milioni 813mila euro. Lo conferma la rilevazione del Centro Studi Univendita sulle proprie aziende associate: il risultato lombardo rappresenta il 15,2% delle vendite nazionali, che hanno raggiunto nel 2016 la cifra di 1 miliardo 643 milioni di euro (+2,6% rispetto all’anno precedente).


Nel Nord Ovest, che vale il 25,8% del fatturato nazionale, la Lombardia è di gran lunga la regione che “pesa” di più (Piemonte/Valle d’Aosta e Liguria valgono rispettivamente il 7,8% e il 2,8%). Nella classifica del fatturato della vendita a domicilio la Lombardia è seguita da Campania (168 milioni di euro) e Veneto (156 milioni di euro). Se si guarda alle aree geografiche, è il Sud e Isole a guidare la classifica con il 35,2% del fatturato (578 milioni di euro); seguono Nord Ovest (424 milioni di euro), Nord Est (353 milioni di euro) e Centro (288 milioni).


Quanto agli addetti alla vendita, nel 2016 in Lombardia hanno operato 24.800 venditori a domicilio, pari al 15,8% del totale italiano (157mila addetti). Nella classifica della presenza dei venditori la Lombardia è seguita da Campania (con 22.100 addetti) e Sicilia (con 20.700 addetti). Guardando alle aree geografiche è al Sud e Isole che nel 2016 si è concentrato il maggior numero di venditori (74.400 addetti pari al 47,4% del totale); seguono il Nord Ovest con 37.000 addetti, il Nord Est con 23.200 addetti e il Centro con 22.300 addetti.


«La Lombardia si conferma, di anno in anno, la regione dove le aziende della vendita a domicilio realizzano più vendite in termini assoluti –dichiara Ciro Sinatra, presidente Univendita– e i numeri dei venditori sono in linea con il dato del fatturato. La grande presenza di venditori a domicilio nel Sud e Isole, quasi la metà del totale nazionale, si spiega con il fatto che in quell’area geografica l’occupazione femminile è più bassa rispetto alla media nazionale, così molte donne colgono l’opportunità offerta dalla flessibilità della vendita diretta che consente di conciliare il lavoro con gli impegni familiari».

Scarica l'allegato
Torna all'elenco dei comunicati